Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Indice delle News
sei in: Home » Annibale Carracci
Novità
Tag-Cloud

palazzo nelle trieste opere sezione galleria alla madonna degli uffizi sono quattrocento sale come firenze della contemporanea salani patrimonio percorso
Mostra

Annibale Carracci

Bologna, Museo Civico Archeologico 22 settembre 2006 - 7 gennaio 2007

Share |

La scelta di disgiungere Annibale da ogni visibile confronto con Ludovico e Agostino Carracci e dagli artisti legati alla sua formazione in Valpadana (qui ricordati solo dai testi che introducono le sezioni) funziona soprattutto nella presentazione dei suoi anni maturi (dal 1590 circa): sono ben delineati, ad esempio, il rapporto di Annibale con la statuaria antica e il "plurilinguismo" con cui egli si appropriò delle diverse maniere della tradizione pittorica cinquecentesca orchestrandole come registri in funzione dei temi e delle intonazioni desiderate.

 

Con l'eccezione di Correggio, rimangono invece più in ombra i termini di quelle prime esperienze visive, alcune ormai familiari anche agli odierni cacciatori di mostre (i Cremonesi, Lotto, Tiziano - per cui certo Annibale non dovette attendere il viaggio veneto del 1587 -, per non parlare di Barocci e della dimenticata plastica emiliana cinquecentesca): anche solo alcune di queste presenze avrebbero aiutato a comprendere l'idea benemerita, propugnata nella mostra, che Caravaggio e i Carracci non appartenessero a mondi distinti, ma fossero anzi in grado di apprezzarsi alla luce di un retaggio comune (che non si risolse però nello studio dal vero).

 

No L'evento bolognese risente di tutti i difetti dei format pensati a tavolino per più sedi, ma non tagliati su misura per le strutture che li ospitano: nonostante il lavoro dell'architetto sia discreto, capita che i bagliori dell'illuminazione sfigurino capolavori come la Testa di ragazzo con occhi chiari di Windsor (chiusa in un angolino), e che brandelli di alcune sezioni esondino silenziosamente in mezzo a quelle seguenti per mancanza di spazio, sortendo effetti davvero curiosi.

 

Va encomiata la coerenza con cui la mostra è stata giocata su problemi formali, tenendo a bada sia la tentazione di fare prevalere un'ingombrante vicenda teorico-critica, sia quella di risolvere la svolta linguistica carraccesca in una semplice faccenda di Controriforma.

 

In conclusione Sebbene la rassegna sia assai godibile, invitiamo il pubblico che deciderà di visitarla a prendere le distanze dallo psicologismo con cui sono presentati gli autoritratti iniziali (non tutti degni della mostra) e a rifuggire dalla lusinga di assimilare il Carracci ai pittori 'realisti' dell'Ottocento francese (come alcuni pannelli inviterebbero a fare): nonostante i toni foschi con cui i testi-guida alle pareti trattano il cruciale servizio di Annibale presso i Farnese (non disegnò oreficerie, con bellissimi esiti, anche il sommo Giulio Romano?), la cultura del bolognese fu quella di un artista cinquecentesco (cosa che ben emerge dal catalogo)

 

Autore/autrice scheda: Walter Cupperi