Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Indice delle News
sei in: Home » Guido Cagnacci. Protagonista del Seicento tra Caravaggio e Reni
Galleria

Lo sguardo severo della 'madre' di Guido Reni, accostata ad una Maddalena dello stesso Reni
Veduta della splendida sala che raccoglie dipinti romagnoli dell'epoca di Cagnacci
Due Cleopatre di Cagnacci a confronto
Tag-Cloud

percorso firenze uffizi trieste sale sono sezione nelle come della galleria alla contemporanea palazzo opere patrimonio degli madonna salani quattrocento
Mostra

Guido Cagnacci. Protagonista del Seicento tra Caravaggio e Reni

Forlì, Musei San Domenico 20 gennaio 2008 - 22 giugno 2008

Alcune delle celebri figure femminili di Cagnacci esposte in mostra
Alcune delle celebri figure femminili di Cagnacci esposte in mostra

Share |

Alla quasi totalità dei dipinti di Cagnacci si affiancano altrettante opere di prima scelta dovute ad artisti coevi: lo spettatore ha così modo di calare il pittore romagnolo nella realtà artistica dell’Italia seicentesca e di seguire agevolmente l’evoluzione del suo linguaggio, dalle prime, ruvide opere, memori di Caravaggio, al raffinamento formale imposto dal confronto con Reni, sino alle personalissime creazioni della maturità.

Ottima inoltre l’idea di dedicare una sala alla produzione pittorica romagnola del Seicento, nella quale il caravaggismo è declinato in una chiave potentemente popolaresca da artisti poco noti quali Biagio Manzoni e Cristoforo Serra. Da segnalare, infine, che in occasione della mostra sette importanti opere sono state restaurate, non solo di Cagnacci, ma anche di altri grandi maestri, come Vouet, Van Honthorst, Gentileschi.

No Benché Cagnacci sia stato senza dubbio un artista di altissimo livello, l’etichetta di “protagonista del Seicento” che gli viene assegnata dalla mostra può essere fuorviante, nella misura in cui un protagonista non è solo un’eccellenza, ma chi è al centro della scena artistica della sua epoca e, come Caravaggio e Reni, evocati nel titolo della rassegna, la modifica profondamente: il sublime percorso di Cagnacci fu invece isolato e (geograficamente parlando) provinciale.
Quanto all’allestimento dell’esposizione, gli unici problemi di rilievo riguardano la prima sala, stipata di dipinti e di tramezzi: sarebbe stato sicuramente meglio diluirne il contenuto in un paio di ambienti.

Conclusioni La rassegna forlivese consente di apprezzare al meglio la grandezza di Cagnacci e di contestualizzare il pittore all’interno della cultura figurativa seicentesca.

Autore/autrice scheda: Fabrizio Federici