Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Indice delle News
sei in: Home » Canaletto. Venezia e i suoi splendori
Novità
Tag-Cloud

della sezione quattrocento palazzo alla salani trieste degli patrimonio firenze madonna nelle sono come sale percorso opere galleria uffizi contemporanea
Mostra

Canaletto. Venezia e i suoi splendori

Treviso, Casa dei Carraresi 23 ottobre 2008 - 5 aprile 2009

Share |

Perché sì Il percorso espositivo è costruito con estrema chiarezza. Il visitatore, che sia specialista o meno, viene agevolmente guidato attraverso una ricostruzione puntuale del vedutismo veneziano. Dalle prime interpretazioni di Gaspar van Wittel si passa alla produzione di Luca Carlevarijs, per approdare a Canaletto, perno della mostra, la cui produzione è ricostruita con sintetica lucidità in tutte le sue fasi portanti, attraverso una intelligente scelta dei pezzi, spesso sostenuta da importanti prestiti internazionali. In conclusione gli epigoni di Canaletto, tra cui si cerca di fare chiarezza attributiva, e l’atipica figura di Francesco Guardi. Particolare menzione meritano le sale deputate all’incisione, ricche ed esaustive. Quanto all’allestimento, impressionano favorevolmente i cartellini, a giusta distanza e grandi, su cui tuttavia si sarebbero potute riportare anche le datazioni dei pezzi.
Perché no Il taglio dell’esposizione risulta per forza di cose parziale, dato che la scelta di prendere in esame soltanto opere raffiguranti Venezia porta a escludere le vedute con altri soggetti realizzate dagli artisti presenti in mostra.
Conclusioni L’esposizione ben si inscrive nella recentissima, intelligente svolta nella politica espositiva della Casa dei Carraresi. Nell’attesa di un auspicabile evento che affronti il vedutismo italiano nella sua interezza.

Autore/autrice scheda: Emanuele Pellegrini