Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Indice delle News
sei in: Home » Il mondo di Quentin Blake
Galleria

Sala principale dell'allestimento della mostra
Allestimento - tavole esposte
Una teca con alcuni libri illustrati da Quentin Blake
Sala minore dell'allestimento della mostra
Tag-Cloud

madonna patrimonio sono nelle della galleria quattrocento degli percorso contemporanea uffizi sezione come firenze trieste sale palazzo alla opere salani
Mostra

Il mondo di Quentin Blake

Genova, Museo Luzzati a Porta Siberia – Area Porto Antico 3 luglio 2009 - 10 gennaio 2010 (prorogata al 28 febbraio 2010)

Il mondo di Quentin Blake
Il mondo di Quentin Blake

Share |

Perché sì
Svincolate dal formato del libro e dal bianco e nero della maggior parte delle riproduzioni a stampa, le tavole tratte dai principali degli oltre trecento volumi illustrati da Blake illuminano la tecnica impiegata, rivelano, anche  nelle singole correzioni apportate servendosi di pezzetti di carta incollati sopra i refusi, le pieghe del fermento creativo dell’illustratore britannico attivo a partire dagli anni Sessanta.

Perché no
Il dialogo, scintillante, che sempre le illustrazioni di Blake istituiscono con i testi - alchemico addirittura con quelli di Roald Dahl - è solo evocato dai pur ben articolati pannelli esplicativi. Nel ripercorrere il lavoro svolto sui suoi romanzi, la testimonianza dell’autrice per ragazzi Bianca Pitzorno induce a riflettere sulla proficuità di tentare in mostra alcuni accostamenti tra immagini e parole (tavola e testo, se non addirittura tavola e pagina stampata della prima edizione del libro) per comprendere l’attenzione al dettaglio e la ricreazione dell’universo immaginativo di uno scrittore che si affida alle mani di Blake. E tuttavia, i libri sono presenti, ma esposti sotto teche di vetro. Silenziosi. La valorizzazione delle tavole come oggetti autonomi offusca il rapporto che esse intrecciano con il testo scritto. Ma non sta proprio in questo dialogo la natura delle illustrazioni?

Un simpatico video di dieci minuti (durata congrua all’allestimento) ricostruisce per intero la processualità del lavoro dell’illustratore, seguendo la sua funambolica mano all’opera. Dispiace tuttavia l’assenza di sottotitoli in italiano. Dispiace ugualmente la mancanza di un catalogo.

Conclusioni
Nella splendida cornice espositiva genovese dedicata permanentemente all’opera di Lele Luzzati (presentata nelle ultime salette ad istituire suggestivi confronti con quella di Blake), l’allestimento è più godibile per i visitatori che abbiano letto i libri illustrati dall’autore britannico. A questo proposito, i laboratori didattici previsti dal mese di ottobre costituiranno probabilmente un utile momento di ‘ricongiungimento’ tra testi e immagini.

Autore/autrice scheda: Silvia Moretti